Cause biologiche

Immunologia e disturbo bipolare

Rashmi Nemade, Ph.D. Dombeck & Mark, Ph.D. - Agosto 2009

Il sistema immunitario è il sistema di difesa del corpo. Esso protegge l'organismo da minacce esterne come virus e batteri che causano le infezioni. Quando il corpo è oggetto di attacchi, le cellule immunitarie come linfociti T, linfociti B e le proteine ??immunitarie note come immunoglobuline attaccano i batteri o i virus, con l'intento di sconfiggere la malattia prima che possa radicarsi. In genere, l'osservazione di un aumento di cellule immunitarie e proteine ??è un'indicazione che l'organismo sta combattendo un'infezione. Diversi studi hanno descritto le fluttuazioni anomale nel sistema immunitario, che variano a seconda delle fasi del disturbo bipolare. Ad esempio, linfociti T e B, IgG (immunoglobuline G) e IgM (immunoglobuline M) sono in numero maggiore nei pazienti bipolari. Questa osservazione potrebbe portare a concludere che i corpi degli individui con disturbo bipolare stanno combattendo un'infezione. Ma non è chiaro se questi risultati siano la causa o il risultato di reazioni naturali del corpo ai picchi di umore oppure agli psicofarmaci. Oltre a misurare i componenti del sistema immunitario nello studio del disturbo bipolare, le infezioni sono state studiate per il loro possibile contributo a favorirne i sintomi.

Una semplice infezione da batteri o virus, un'infezione retrovirale, o una disfunzione immunitaria può precipitare verso un disturbo bipolare. Diverse varietà di infezione del cervello sono note per causare stati maniacali o depressivi. Le infezioni batteriche come la sifilide e la malattia di Lyme sono manifestazioni neurologiche che possono causare sintomi che assomigliano al disturbo bipolare. Allo stesso modo, le infezioni virali, come il virus di Epstein - Barr (EBV) e l' herpes simplex virus (HSV) sono stati associati al disturbo bipolare.

Nel caso di EBV, i ricercatori non sono stati in grado di confermare che l'infezione è un passo necessario per sviluppare la depressione bipolare. Tuttavia, studi di casi che documentano pazienti che non avevano una storia di disturbo bipolare prima dell'infezione da EBV, portano alcuni studiosi a continuare a considerare l'infezione da EBV come una possibile causa.

Mentre vi è un chiaro collegamento tra l'infezione da HSV e una ridotta funzione cognitiva nei soggetti bipolari, non vi è alcuna prova concreta che suggerisce che una infezione da HSV porti a manifestare il disturbo bipolare. E 'noto che il litio, il trattamento medico  primario per i disturbi bipolari, inibisce la crescita di HSV in situazioni di laboratorio, ma esattamente come questo ruolo inibitorio possa funzionare riguardo al disturbo bipolare non è noto.

E 'possibile che , né EBV e HSV possano causare sintomi bipolari, ma piuttosto avviare una particolare disregolazione del cervello e altri sistemi del corpo che alla fine portano alla comparsa del Disturbo dell'umore. Ci sono alcuni ricercatori che ritengono che l'HIV (il virus che causa l'AIDS) può causare disturbi bipolari, ma non è noto se il comportamento maniaco-depressivo osservato in alcuni casi di AIDS è un risultato dell'impatto psicologico di avere una grave malattia come l'AIDS o se è la malattia stessa che provoca questo comportamento.

Un retrovirus è un particolare tipo di virus, che provoca una infezione inserendo nel proprio DNA i geni del suo ospite. Modificando il meccanismo genetico di base del corpo, un retrovirus può avere un impatto sproporzionato sul corpo dell'ospite. Per esempio, l'HIV è un retrovirus che provoca numerosi sintomi attraverso multipli sistemi del corpo. Se un retrovirus si inserisce nei geni nelle ovaie (uovo) o dei testicoli (spermatozoi), non si può escludere che le informazioni del virus possano essere tramandate di generazione in generazione. Così, una persona potrebbe essere stata infettata da un retrovirus verso la fine del 1800 e avere passato i geni a tutti i loro figli, nipoti, ecc. Un retrovirus specifico non è stato individuato in relazione alla malattia bipolare, ma ulteriori studi genetici possono rivelare che un retrovirus risiede su uno o più dei cromosomi che si ritiene siano coinvolti nel disturbo bipolare. I pezzi del puzzle non sono ancora completi e sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire questo aspetto del disturbo bipolare.

Un altro aspetto del sistema immunitario che è coinvolto nei disturbi bipolari è quello dell'autoimmunità. Le malattie autoimmuni si verificano quando il sistema immunitario non può più distinguere tra i normali tessuti del corpo e quelli che appartengono a una minaccia esterna. Come conseguenza di questa confusione immunitaria, il corpo inizia a considerare se stesso come un avversario. Per esempio, nell'artrite reumatoide, il sistema immunitario attacca le articolazioni, provocando una invalidante e dolorosa condizione infiammatoria. La malattia porta alla distruzione delle articolazioni così come i tessuti sistemici di tutto il corpo compresa la pelle, i vasi sanguigni, cuore, polmoni e muscoli. Anche se attualmente non vi sono prove che collegano il disturbo bipolare direttamente ad una condizione autoimmune, l'autoimmunità contro la tiroide è ben documentata. La malattia di Graves 'è la forma più comune di ipertiroidismo. Essa è causata dagli anticorpi prodotti contro la tiroide che hanno l'effetto di stimolare una sovrapproduzione di ormone tiroideo. Nella tiroidite di Ord e la malattia di Hashimoto, una varietà di anticorpi contro la tiroide causa nella ghiandola l'ipotiroidismo. Dato che squilibri di ormone tiroideo sono associati a cambiamenti di umore, è concepibile che l'autoimmunità tiroidea possa essere collegata al disturbo bipolare. Tuttavia, come nel caso delle malattie infettive, non vi è alcuna chiara evidenza che l'autoimmunità è necessariamente coinvolta nei disturbo bipolare. Sarà interessante monitorare questo nuovo ambito di ricerca nei prossimi anni.
Fonte:http://www.mentalhelp.net/poc/view_doc.php?type=doc&id=11205&cn=4

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna