Stile di vita

Costruire una linea guida...

altLe misure psicoeducative sono soprattutto quelle tecniche che, assieme alla conoscenza di sé stesso, cercano di prevenire le recidive future e permettono di avere una linea guida che aiuta ad avere una certa autonomia nella gestione del disturbo. In modo semplificato, si possono tradurre come un elenco di comportamenti e abitudini raccomandabili, "istruzioni utili" da utilizzare, da sviluppare e farle proprie.

Una risorsa frequentemente impiegata per imparare a conoscere se stessi è il portare avanti un "diario dell’ umore". Altra misure psicoeducative per le quali si ha particolare interesse sono:
- Gestione dello stress e del conflitto
- Stabilire una serie di priorità e impegni personali
- Costruire un sistema sociale di sostegno

Specificamente si possono identificare dei comportamenti e abitudini su cui avere particolare attenzione secondo le varie fasi o momenti critici:

Fase eutimica


- Auto-osservazione. Per prevenire le ricadute, l’auto-osservazione è il migliore metodo. Dobbiamo osservare il sonno perche spesso è il primo avviso di uno scompenso ipomaniacale. È importante vedere se si inizia a sentirsi irritabili, più animati del solito o più socievolei Diffidare delle modifiche.

alt
- Dormire ogni giorno otto o nove ore. Il sonno è il fattore principale per la prevenzione delle ricadute. Dormire meno di sette ore è un alto rischio di crisi maniacali o ipomaniacali. Al contrario, dieci o più ore di sonno indicano un rischio di episodi depressivi.


- Evitare di consumare sostanze tossiche. E’ essenziale evitare il consumo di droghe legali auto-medicanti o illegali poiché possono far precipitare in una

crisi maniacale, depressiva o addirittura psicotica.


- Evitare regimi duri. Questo per evitare gli estremi, la fame può aumentare l'irritabilità e l'ansia predispone ad un'altra ricaduta. Anche calare di peso corporeo nettamente può causare cambiamenti repentini negli ormoni e nel metabolismo facendo arrivare una ricaduta. Ingrassare ed abbuffarsi al di là dei limiti, può arrivare anche a destabilizzare, al generare sentimenti di colpa o di bassa autostima.


alt- Ascoltare la gente, fidarsi. È essenziale cercare delle persone che ci possanno servire come punti di riferimento. Naturalmente si dovrebbe trattare con persone di fiducia che ci conoscono e apprezzino, che possano parlarci con franchezza e di cui noi possiamo accettare le critiche o il loro punto di vista. Spesso le persone intorno a noi sono in grado di rilevare la comparsa di scompenso con più chiarezza di noi stessi.


- Assunzione di farmaci in modo corretto. E' il modo migliore per evitare recidive. E 'importante sapere che lasciare il farmaco improvvisamente può creare resistenza ai farmaci in aggiunta ad aumentare drasticamente il rischio di ricaduta. Uno strumento importante è l'uso delle cassettine dosa farmaci che vengono venduti nelle farmacie.


- Parlare dei sintomi (tutti!). Eventuali sintomi o le loro piccole modifiche anche quelle che sembrano minime, possono essere rilevanti.


- Valorizzare la regolarità. La regolarità nelle abitudini può ridurre il rischio di ricaduta. La regolarità porta a una maggiore stabilità.


- Fuggire dello stress. E’ essenziale allontanarsi il più possibile dallo stress e per quello devi cercare di fare attività piacevoli in un ambiente rilassante. E' importante svolgere attività che contribuiscano a disinnescare la tensione, ed avere un pensiero critico per relativizzare i problemi: pochi problemi hanno le dimensioni con cui appaiono.


- Evitare di "litigare" con il disturbo. E' difficile accettare il disturbo, qualunque esso sia, ma il rifiuto, la rabbia, la colpa, servono solo ad aggravare i sintomi. Dobbiamo imparare a vivere con lui. Ricordate che non si è bipolari, ma che si ha un disturbo bipolare. Non confondere la sua identità con la sua diagnosi. Non esistono due persone con lo stesso disturbo che siano uguali.


alt

Quando se "intuisce" che qualcosa sta cambiando in qualsiasi senso, si dovrebbe avere particolare attenzione su alcune abitudini di vita:

 

 

Prima dell'inizio della fase di euforia.
- Aumentare il numero di ore di sonno con un minimo di dieci.
- Limitare il numero di attività.
- Destinare una durata massima di sei ore al giorno per essere attivo in modo da evitare che si cerche di vinvere l'euforia con la stanchezza.
- Ridurre la stimolazione mentale con esercizi di rilassamento
- Evitare il consumo di eccitanti, come caffè, tè, alcol, bevande energetiche o altre attività stimolanti.
- Rimandare operazioni economiche o attività di consumo.
- Informare delle proprie sensazioni una persona di fiducia.
- Mettetevi in contatto al più presto con il vostro psichiatra o psicologo.

Prima dell'inizio della fase depressiva.
- Dormire più di nove ore.
- Evitare l'automedicazione.
- Aumentare il numero di attività.
- Proporre a se stesso obiettivi realistici, passo dopo passo.
- Evitare di sentirsi in colpa.
- Avviare il pensiero positivo o almeno rimuovere le idee irrazionali: "Non è un male che dura per sempre."
- Sfidare i pensieri negativi o irrazionale, o almeno relativizzare.
- Fare esercizio.
- Consultare con lo psichiatra o psicologo.

 

Tratto da: VIDA DIARIA EN EL TRASTORNO BIPOLAR:
UNA PERSPECTIVA PSICOEDUCATIVA

Inmaculada Jáuregui Balenciaga, Doctora en psicología, Quinta Médica de Reposo

 

Commenti   

+3 #1 daniela 2012-02-19 20:10
e utile sto sito
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna