Non categorizzato

Benvenuti

 vignetta tratta da www.cartoonstock.com (artista Mike Baldwin)

 

"L'opinione del medico non è infallibile; non
siete obbligati a rimanere passivi.
È il vostro futuro a essere in discussione.

Ricordate che voi, come paziente,
avete la più alta voce in capitolo nella
decisione, siete quello che ha più da
guadagnare o più da perdere.

Voi, il paziente,

se siete capace di prendere la decisione
giusta, siete l'artefice della vostra felicità.

Non lasciate che il vostro
medico, anche se armato delle migliori
intenzioni di questo mondo, calpesti
questo vostro diritto"

(Linus Pauling)

Nuovo sondaggio

Indagine progetto 'optimamente'

La vostra opinione è molto importante!

Se rispondete a queste semplici domande ci date un grande aiuto.

Vai al sondaggio

 

 

Avvertenze

 Bipolari.it non è un sito gestito da medici, tutte le informazioni ivi contenute sono da considerarsi in un contesto informativo e divulgativo.

Per completezza, desideriamo dare voce a tutte le culture, le opinioni, le teorie  anche in netto contrasto che si trovano sul cosiddetto disturbo bipolare.
Ciò nonostante, il lettore 'paziente psichiatrico' o chiunque si riconosca in questo disagio dovrebbe valutare queste informazioni con la propria testa, essendo considerata persona sensibile ma non stupida.

 Si consiglia comunque di non trarre conclusioni tali  da interrompere di propria iniziativa l'eventuale terapia farmacologica.

 

Privacy policy

Informativa sulla privacy

 

1 - Regolamento europeo (EU) GDPR 2016/679

In conformità al suddetto regolamento questa informativa è rivolta a tutti coloro che utilizzano il sito web: www.bipolari.it. Descrive le modalità di raccolta, utilizzo e condivisione, dei dati personali relativi all’utente che ci vengono comunicati dal medesimo o che otteniamo o generiamo in altra maniera, nel momento in cui l’utente accede al sito. Si sottolinea che la presente informativa è resa solo per il sito suddetto e non anche per altri siti web consultabili tramite link esterni.
Si raccomanda pertanto agli utenti che decidano di accedere ai suddetti siti web di consultare i Termini e Condizioni e le Informative sulla privacy disponibili all’interno dei siti a cui accedono.

 

2. Fonte dei dati personali
La raccolta dei dati personali viene effettuata registrando i dati forniti dagli stessi utenti , in qualità di interessati, al momento della registrazione al sito, durante l'invio di una richiesta al modulo di contatto, scrivendo un qualsiasi commento sugli articoli.

 

 

3. Finalità del trattamento
I dati personali sono trattati per le seguenti finalità:

 

1. Pubblicare messaggi nella sezione commenti di ogni articolo del sito

2. Inviare messaggi al titolare del sito, tramite apposito modulo contatti nel rispetto della dignità e della onorabilità dei terzi e nell'osservanza della legislazione vigente

3. Per garantire l'efficienza del servizio, la informiamo inoltre che i dati potrebbero essere utilizzati per effettuare prove tecniche e di verifica.

 

4. Modalità di trattamento dei dati
In relazione alle finalità descritte, il trattamento dei dati personali avviene mediante strumenti manuali, informatici e telematici con logiche strettamente correlate alle finalità sopra evidenziate e, comunque, in modo da garantire la sicurezza e la riservatezza dei dati stessi.

 

 

5. Facoltatività del conferimento dei dati
Il conferimento dei dati è facoltativo, ma in mancanza non sarà possibile pubblicare commenti, o realizzare indagini dirette a verificare il grado di soddisfazione degli utenti sui servizi offerti, volte a migliorare la qualità dei servizi.

 

 

6. Categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati:
I suoi dati personali potranno essere conosciuti esclusivamente dagli amministratori del sito, individuati quali Incaricati del trattamento. Esclusivamente per le finalità previste al paragrafo 3 (Finalità del trattamento), i dati personali non saranno ceduti a società terze.

 

 

7. Diritti dell'Interessato
La informiamo, infine, che la normativa in materia di protezione dei dati personali conferisce agli Interessati la possibilità di esercitare specifici diritti, in base a quanto indicato all'art. 7 del "Codice" che qui si riporta:
1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:
1. dell'origine dei dati personali;
2. delle finalità e modalità del trattamento;
3. della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
4. degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5, comma 2;
5. dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
3. L'interessato ha diritto di ottenere:
1. l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
2. la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
3. l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a. e b. sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
1. per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
2. al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

 

 

8. Titolare e Responsabili del trattamento
Al fine di semplificare le modalità di inoltro e ridurre i tempi per il riscontro si invita a presentare le richieste, di cui al precedente paragrafo, all'amministratore del sito, contattandolo all'indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

Domande e risposte

Domande e risposte sul Disturbo bipolare

 

 

1 - D: Il disturbo bipolare è una condizione rara?

R: No. Se si fa riferimento ai criteri diagnostici del DSM-IV-TR per la mania e l'ipomania, studi recenti (Angst, 1998) individuano la prevalenza del disturbo bipolare (tipo I e tipo II) intorno al 5,5% della popolazione generale. Stando a queste cifre in Italia vivrebbero all'incirca 3.300.000 persone affette da disturbi dello spettro bipolare.

 

2 - D: I familiari di pazienti con disturbo bipolare hanno maggiore probabilità di sviluppare il disturbo stesso?

R: Sì. Il rischio di sviluppare un disturbo dell'umore è maggiore per i familiari di primo grado dei pazienti affetti da disturbo bipolare. In particolare il rischio stimato è del 20% circa, suddiviso in un 8% per il disturbo bipolare e un 12% per il disturbo depressivo. Al momento non sono note le modalità specifiche con le quali si eredita la predisposizione a sviluppare il disturbo bipolare. Numerosi studi suggeriscono la partecipazione di geni minori la cui espressione, probabilmente influenzata da fattori ambientali diversi, renderebbe conto della diversa probabilità di sviluppare o meno il disturbo e della diverse manifestazioni sintomatologiche.

 

3 - D: Il disturbo bipolare può essere associato ad altri disturbi della sfera psichica?

R: Sì. Si stima che il 60-70% dei pazienti con disturbo bipolare presentino almeno un altro disturbo psichiatrico in comorbilità. Le condizioni più spesso associate sono i disturbi da abuso di sostanze (30-50% del totale), i disturbi d'ansia (disturbo da attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, distrubo ossessivo-compulsicvo), disturbi di personalità, disturbi del controllo degli impulsi e disturbi alimentari.

 

4 - D: Una persona depressa può avere in realtà il disturbo bipolare?

R: Sì. La depressione è la manifestazione più frequente del disturbo bipolare. Alcuni studi hanno dimostrato che i pazienti con disturbo bipolare I e II tendono ad avere sintomi per la metà della loro vita, e in gran parte tali sintomi sono di tipo depressivo (60-80% del tempo in fase di malattia). I periodi depressivi sono anche quelli in cui il paziente si rivolge al medico o allo specialista chiedendo aiuto.

 

5 - D: Il suicidio è un evento raro nel disturbo bipolare?

R: No. I pazienti con disturbo bipolare hanno un rischio suicidario molto elevato rispetto alla popolazione generale, stimato intorno a 15-30 volte superiore. Il rischio sembrerebbe direttamente correlato alla frequenza, durata e intensità degli episodi depressivi.

 

6 - D: La depressione bipolare è diversa dalla depressione unipolare?

R: No. I principali sistemi diagnostici non riportano differenze. Tuttavia, in letteratura è riportata una maggiore complessità del quadro psicopatologico per le forme depressive bipolari. In particolare, sembrerebbero più frequenti i sintomi ansiosi, la mancanza di energia e la preoccupazione, rispetto alla tristezza e al pessimismo, nonché il rallentamento o l'agitazione psicomotoria e l'irritabilità. Inoltre, nella depressione bipolare sarebbe maggiore la durata media dei singoli episodi depressivi e il tempo totale trascorso in depressione.

 

7 - D: Nel disturbo bipolare possono essere presenti deliri e allucinazioni?

R: Sì. Deliri e /o allucinazioni possono essere presenti in oltre la metà dei pazienti nelle diverse fasi della malattia. Nelle fasi depressive questi sintomi sono meno frequenti rispetto alle fasi maniacali, e riportati in percentuali che variano dall'1 al 66%. Nelle fasi maniacali la presenza di sintomi quali deliri e/o allucinazioni arriva a percentuali molto superiori.

 

8 - D: Il disturbo bipolare è una patologia grave?

R: Sì e No. E' sicuramente una patologia importante, da non sottovalutare e non trascurare. Il disturbo bipolare può presentarsi con una grande varietà di manifestazioni, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo. Si può andare dalla sfumata euforia degli episodi ipomaniacali (più caratteristica del disturbo bipolare II) alla agitazione incontenibile delle più violente crisi maniacali (più caratteristica del disturbo bipolare I), dalla tristezza e mancanza di energia di episodi depressivi lievi alla profonda disperazione di manifestazioni depressive molto gravi.

 

9 - D: Si può curare il disturbo bipolare?

R: Sì. La terapia psicofarmacologica è quasi sempre efficace nell'ottenere la remissione sintomatologica degli episodi maniacali e depressivi. Ulteriori, ma non secondari obiettivi sono la prevenzione delle ricadute, evitando i viraggi maniacali e ipomaniacali, l'induzione di stati misti o di rapida ciclicità. A questo scopo è importante il monitoraggio specialistico continuo anche durante gli intervalli liberi da malattia.

Autore Dr. Vassilis Martiadis

Tratto da medicitalia.it