Cure alternative

Trattamento ortomolecolare del disturbo bipolare

Introduzione

 

Molte persone mi hanno chiesto se ho mai scritto sulla psicosi bipolare e il suo trattamento ortomolecolare. Non l'ho fatto, soprattutto perché mi sono concentrato sulla schizofrenia. Abbiamo iniziato il nostro programma di ricerca a Saskatchewan nel 1952 e abbiamo scoperto che i risultati di qualsiasi programma di trattamento per i pazienti migliorava molto se includeva le dosi ottimali di vitamina B3. Non abbiamo esplorato l'uso di questa vitamina per i maniaco-depressivi, come si chiamavano allora, perché era una diversa categoria di malattia.
Nel corso degli anni, la distinzione tra psicosi maniaco-depressiva e schizofrenia è gradualmente svanito, e ora sono convinto che sono due forme della pellagra. la Pellagra è causata da una carenza di vitamina B3 nella dieta delle persone che hanno esigenze normali per questa vitamina, e tali malattie psicotiche gravi sono le carenze di vitamina stessa a causa di fattori interni che generano una maggiore necessità di essa. Quando la carenza è principalmente nella dieta, si chiama una carenza, quando il bisogno è il risultato di un problema biochimico nel corpo, è chiamato una dipendenza. Le psicosi in entrambe le condizioni sono identiche (Hoffer 1967, 2006). Logicamente, queste psicosi dovrebbero essere chiamate pellagra, di tipo schizofrenico, pellagra, tipo schizoaffettivo, o pellagra, di tipo bipolare.
In questo articolo, proporrò che ci sia un continuum tra maniaco-depressiva (di seguito denominato bipolare) e la schizofrenia, con una sindrome intermedia chiamata psicosi schizoaffettiva. Io suggerisco che un paziente bipolare che non ha subito modifiche percettive anche in fase maniacale differisce da uno schizofrenico nell'ossidazione dell'adrenalina in adrenocromo. Se c'è un eccesso di adrenalina, questo può essere un fattore causale per lo stato maniacale se l'adrenalina non viene convertito in adrenocromo. Se lo stato maniacale è caratterizzato da alterazioni percettive (illusioni e allucinazioni sensoriali) e disturbi del pensiero, più adrenalina è stato ossidata in adrenocromo. Ci sono diversi derivati, ossidati delle catecolamine come ad esempio dopachrome dalla dopamina, né-adrenocromo da noradrenalina.
Quando uso il termine adrenocromo, mi riferisco a uno o tutti questi derivati ossidati. C'è un continuum da nessuna conversione o conversione molto piccola di adrenalina in adrenocromo nei pazienti bipolari, a più conversione nello stato schizoaffettivo, per arrivare a molto di più nello stato schizofrenico.
Il Continuum: dal disturbo Bipolare per Schizoaffettivo alla schizofrenia
La ricerca clinica in un reparto di ricerca psichiatrica non-orientata non è mai facile. Per i nostri studi clinici controllati in doppio cieco , abbiamo testato l'attività delle due forme della vitamina B3, niacina e niacinamide, contro placebo. Questo studio era solo su pazienti schizofrenici. Come direttore della ricerca psichiatrica, non ho fatto la prima diagnosi, che era invece stata fatta dallo psichiatra curante, ma non avrei accettato pazienti nello studio a
meno che non avessi accertato che fossero schizofrenici. Ciò significava che almeno tre medici sono stati coinvolti nella diagnosi, la psichiatra curante, il suo superiore, e me. Dal conteggio della percentuale di pazienti ricoverati in questo reparto, mi aspettavo che non ci sarebbe voluto molto tempo per avere argomenti sufficienti. Tuttavia, con mia grande sorpresa, una volta che lo studio ha preso il via, il numero di pazienti con diagnosi di schizofrenia diminuisce improvvisamente. Era ovvio che i medici curanti non volevano che i
loro pazienti fossero lasciati in questo studio.
Mi sono interessato alla stabilità a lungo termine della diagnosi, un maniaco-depressivo rimane maniaco-depressivo nei ricoveri successivi, o uno schizofrenico rimanere tale dopo molti anni? Come direttore della ricerca psichiatrica, ho avuto libero accesso a tutti i file dei pazienti. Ho iniziato a tenere traccia dei pazienti per studiare in tal senso. Ho scoperto che la
psicosi maniaco-depressiva non era una diagnosi stabile, il che significa che con ricoveri successivi (e spesso ci sono stati molti), c'è stato un passaggio graduale da maniaco-depressiva -- schizoaffettivo fino alla schizofrenia. Ma il contrario non era possibile. Una volta che un paziente è stato diagnosticato schizofrenico, rimane così nelle successive diagnosi, tranne che alla fine viene chiamato cronico. La diagnosi di schizofrenia è stabile, a differenza della malattia maniaco-depressiva. Il significato del termine disturbo di personalità borderline, applicato a pazienti schizofrenici che sono in antipatia o che
non rispondono al trattamento, non era ancora stato inventato.
Non ho fatto un corso di studi, ma questo non era necessario, come è stato fatto dal prof. Nolan DC Lewis, presidente del Dipartimento di Psichiatria presso la Columbia University, e la sua ricerca lo psicologo Dr. Piotrowski (1954) che ha seguito 70 pazienti. Lewis è stato uno dei più illustri psichiatri del Nord America. I suoi interessi erano eclettici e variava dalla psicoanalisi alla patologia. E 'stato anche interessato l'effetto della mescalina (peyote), che aveva preso. E 'stato presidente del Comitato demenza precoce dei massoni scozzesi. Osmond ed io siamo stati invitati a uno dei loro incontri tenuti nel 1952 Canada (ho pensato che era molto gentile) del Waldorf Astoria Hotel, dove per la prima volta abbiamo segnalato la nostra ipotesi sull'adrenocromo e la schizofrenia. Lewis aveva sostenuto gli sforzi compiuti da alcuni psichiatri americani per evitare di essere sommersi dalla psicoanalisi, che è stata galoppante nel Nord America. Siamo diventati buoni amici, e più tardi abbiamo scritto la prefazione alla nostra prima edizione americana di "Come vivere con la schizofrenia". La nostra prima domanda per una borsa di Ottawa per testare la nostra ipotesi è stata respinta dai tre professori canadesi della psichiatria nel comitato poi vagliare sovvenzioni federali, ma ci hanno dato un piccolo contributo dopo la revisione di Lewis il quale ha raccomandato che dovremmo avere 20 anni di studio e non solo 2 (Hoffer 2005).
Tutti i pazienti studiati da Lewis e Piotrowski erano stati diagnosticati con la sindrome maniaco-depressiva nel loro primo ricovero, ma dopo diversi anni, i due ricercatori hanno scoperto che la metà di loro alla fine erano ridiagnosticati schizofrenici. Ciò ha sollevato il dubbio: la loro condizione era davvero cambiata, o hanno avuto una diagnosi sbagliata nella prima ammissione? Lewis e Piotrowski hanno scoperto che avevano le diagnostici originali, e presero sul serio la presenza di allucinazioni, sarebbero stati così in grado di prevedere
con precisione quei pazienti che alla fine erano chiaramente schizofrenici. La difficoltà con questa diagnosi è stata che di solito questi pazienti hanno mostrato caratteristiche schizoidi quando erano in una fase maniacale, e raramente quando erano depressi o più o meno normali. Essi hanno analizzato i sintomi presenti nella storia della prima ammissione ed anno trovato dieci fattori che, se fossero state presi in considerazione, avrebbero previsto con precisione i maniaco-depressivi, che poi sarebbero diventati schizofrenici. La metà dei fattori erano percettivi. Questo capitolo di Lewis e Piotrowski dovrebbe essere una lettura obbligatoria per ogni psichiatra, ma la maggior parte di loro non sono neanche a conoscenza che è stato pubblicato. Ecco alcune delle loro conclusioni:
a. Il tratto essenziale psicologico della schizofrenia è un difetto nel proprio criterio di realtà. Se questo è presente, il paziente non ha la psicosi bipolare. Conolly ha definito follia come: "Una malattia della percezione combinata con l'incapacità di giudicare che questi cambiamenti siano reali o no"
b. Le diagnosi di psicosi maniaco-depressiva (bipolare) possono essere effettuate solo eliminando la schizofrenia.
c. La pratica sembra essere quella di diagnosticare la schizofrenia solo quando le caratteristiche schizofreniche sono predominanti e di ignorare la diagnosi quando le caratteristiche di schizofrenici non sono prominenti, come in puri maniaco-depressivi.
d. Anche una traccia di schizofrenia è schizofrenia. Molti pazienti con segni schizofrenici pochi e lievi e con una forte componente affettiva non riescono a migliorare e passano anni nelle istituzioni. (Scritto nel 1954).

 

 

Menninger ha elencato quattro aree di attività mentale che richiedono di essere esaminate:
- percezione
- pensiero
- umore
- comportamento

 

 

La percezione copre i sensi con cui siamo a conoscenza del mondo e dei nostri corpi, vista, udito, gusto, tatto e olfatto. Esempi di cambiamenti sono allucinazioni visive, uditive esempi di modifiche sono voci, ma ce ne sono molti di più.
Il pensiero può essere disordinato: il processo del pensiero potrebbe essere compromesso, così come ad esempio il contenuto dei deliri. L'umore può essere alto , basso o   inappropriato, e lo stesso vale per il comportamento, che può essere troppo attivo, troppo passivo, o inappropriato. (Questi concetti sono tutti descritti in dettaglio nel nostro libro Come vivere con schizofrenia).
Questo è uno schema notevole per l'esame dello stato mentale ed è quello che ho usato sin da quando ho letto il suo libro. Purtroppo, ora mi sembra che tra gli psichiatri, pochissimi sono consapevoli di questo lavoro. Alle idee di Menninger sul cambiamento del valore della percezione nella diagnosi viene data poca attenzione e troppo peso viene dato all'umore. Questo è un peccato, perché è stato riconosciuto per diverse centinaia di anni che le modifiche percettive sono la chiave per i cambiamenti bizzarri di molti pazienti nel comportamento Conolly (1830).
Smith (2007) ha rilevato che una parte sostanziale delle persone normali sentono voci ma non credono con questo di essere malati e di necessitare di un trattamento. E molti stanno bene. Smith era a conoscenza della definizione di pazzia di Conolly, sarebbe stato meno perplesso, dal momento che sentire voci (cambiamenti percettivi) è solo la metà della definizione corretta. La persona che sente le voci, deve anche credere che siano reali, pertanto possono o non possono agire su di esse con conseguente comportamento psicotico. Sentire le voci e riconoscere che non sono reali non indica che la persona è schizofrenica.
Osmond e Smythies (1952) ipotizzarono che l'esperienza indotta in soggetti volontari normali con la mescalina, il principio attivo del peyote, era per molti aspetti un modello di ciò che accadeva nei pazienti schizofrenici, e che ci sia una relazione tra adrenalina, una catecolamina , e la mescalina nella struttura chimica. In altre parole, questo suggerisce che nei corpi di questi pazienti, vengano trovate delle sostanze che avrebbero le proprietà allucinogene della mescalina (o LSD e sostanze simili) e possono essere connessi o derivati
dall'adrenalina. Non sapevamo abbastanza di transmetilazione di noradrenalina e dei suoi derivati per perseguire ulteriormente questa idea. Si ritiene generalmente che la transmetilazione non possa verificarsi nel corpo. Ma l'idea di base era straordinariamente sana e produttiva, portando la nostra ipotesi sull'adrenocromo (Hoffer, Osmond, e Smythies 1954).
L'esperienza allucinogena, che sia psicotomimetica o psichedelica, ha quasi sempre impressionato i volontari, per i cambiamenti notevoli nella percezione.
Questo ha immediatamente attirato l'attenzione sui sintomi percettivi in questa psicosi indotta. Osmond ed io abbiamo letto molti libri scritti da pazienti che avevano recuperato dalla malattia, e centinaia di grafici sui pazienti che erano malati. Quanto più abbiamo studiato questo fenomeno, più eravamo convinti che i cambiamenti percettivi siano estremamente importanti, per capire che cosa significa essere schizofrenico.
Questo ha portato allo sviluppo del Osmond Diagnostic Hoffer (HOD) , che abbiamo standardizzato su migliaia di pazienti in quattro diversi ospedali in Saskatchewan. Questi risultati sono stati pubblicati nella Gazzetta di Neuropsichiatria: Il Dr. LJ Meduna ci ha dato l'intera rivista di agosto 1961 vol. 2 a disposizione.
Il test HOD è un semplice card-sort test con 145 schede, ognuna contenente una dichiarazione o una domanda. 62 carte testano il mondo esperienziale dei soggetti con i cambiamenti percettivi, 38 si occupano di pensiero e dei suoi disturbi, e 44,di cambiamenti di umore. E 'davvero un esame del modo in cui i soggetti sperimentano il loro mondo sensoriale. I pazienti schizofrenici e i soggetti i sotto l'influenza di allucinogeni avevano punteggi molto elevati.
Esiste una correlazione molto stretta tra la diagnosi di schizofrenia e i punteggi. Ma non era un test diagnostico per la schizofrenia. Punteggi elevati suggeriscono che la schizofrenia dovrebbe essere considerata seriamente, ma possono anche essere elevati in altre condizioni.
Abbiamo trovato che i pazienti schizofrenici hanno segnato punteggi più elevati nelle crisi e, come hanno recuperato, i punteggi sono diminuiti. Nel corso di una ricaduta, i punteggi risalgono. Ma abbiamo anche scoperto che fino a un terzo di altri gruppi psichiatrici formano alti punteggi.. Questo non è sorprendente, considerando la difficoltà di fare una diagnosi clinica. I pazienti maniaco-depressivi di Lewis e Piotrowski avrebbero anche loro prodotto alti punteggi. E 'un test semplice, facile da fare, non stanca i pazienti, e può essere utilizzato tutte le volte che si vuole. E 'un ottimo modo per misurare la ricaduta prima che i pazienti possono venire a conoscenza di essa. È anche transculturale, per esempio, viene usato con successo in Giappone. Il Prof. Masaki Kakitani ha descritto il suo valore nella diagnosi e in seguito al trattamento.

 

 

I risultati dei test indicano anche una significativa correlazione con la presenza del "fattore malva" nelle urine dei pazienti. Con Osmond, ho descritto una sindrome che abbiamo chiamato malvaria, perché il fattore malva non era ancora stato identificato (Hoffer e Osmond 1963). Si tratta di pazienti che hanno un punteggio elevato al test HOD, cioè, hanno un sacco di cambiamenti percettivi, hanno il fattore malva nelle urine, e se trattati con vitamine rispondono come se fossero schizofrenici, indipendentemente dalla loro diagnosi clinica.
Carl Pfeiffer (1975) dimostrò che il fattore malva si combinava con piridossina e zinco per produrre una carenza di entrambe le sostanze, che erano quindi necessarie nel programma di trattamento. Prima di questa scoperta, i pazienti con questo fattore sono stati trattati a Saskatchewan per la schizofrenia, soprattutto con la vitamina B3.
Ma l'aggiunta di questi due nutrienti ha notevolmente migliorato i risultati del trattamento ed ha diminuito la necessità di alte dosi di vitamina B3.
Pfeiffer ha descritto la sindrome sotto il termine di Pyrroluria. La dose di piridossina è inferiore a 1 g al giorno. È anche utile per alcuni pazienti con grave tensione premestruale. Pfeiffer ha trovato che i pazienti con questa condizione avevano segni fisici evidenti come aree bianche nelle loro unghie, dolori alle ginocchia, cambiamenti nella loro pelle, e PMS (sindrome premestruale). Pochissimi laboratori stanno facendo questo test. Se i pazienti migliorano, la quantità di criptopirrolo scende a livelli normali molto bassi. Una ricaduta era solitamente preceduta da una recidiva del fattore urinario.
Non ci sarà mai alcuna prova che si possa correlare perfettamente con la diagnosi clinica di schizofrenia , la diagnosi è troppo vaga, incerta e transitoria. Se un giorno i medici si accorderanno per diagnosticare a seconda dei risultati di un test di laboratorio, la correlazione sarà alta.
Questo è accaduto con la sifilide, che divenne una diagnosi semplice, dopo che il test sierologico del sangue fu sviluppato e utilizzato come test diagnostico.
Vedo questa malvaria come una forma di pellagra. Ho trovato che i pazienti malati di mente che hanno un punteggio elevato al test HOD, o che hanno livelli superiori al normale di fattore malva nelle urine, o entrambi, rispondono meglio ad un programma che include la vitamina B3.
Quando è stato identificato in collaborazione con Pfeiffer, il termine per il fattore malva è stato cambiato in criptopirrolo. Sono vicini, ma non identici.
Esso più vicino a OHHPL (hydroxyhemoppyrrolin-2-one). Questo è un membro della famiglia pirrolo, e può essere correttamente indicato come pirrolo urinario. Oggi, molti ricercatori stanno studiando questo composto, come il Dr. Woody McGinnis che è a capo di un grande gruppo di studio. Sembra essere una misura dello stress ossidativo. Non c'è dubbio che molti pazienti che sono mentalmente malati soffrono di stress ossidativo. Questi includono pazienti schizofrenici, i bambini autistici, e una parte considerevole di altri gruppi diagnostici.
La descrizione di Conolly di follia, come una malattia della percezione combinata con l'incapacità di giudicare se questi cambiamenti sono reali, è una diagnosi notevole che ho trovato molto utile nel mio lavoro. Non solo questa definizione è così preziosa, ma aiuta anche a capire perché i pazienti schizofrenici hanno sintomi deliranti. Per esempio, se un individuo ha perso il suo senso del gusto (carenza di zinco) potrebbe attribuire questo fatto ad un avvelenamento del suo cibo. Questo è un problema molto comune causato da una errata percezione del gusto.
E 'un peccato che la psichiatria moderna ha ignorato la definizione di Conolly a favore di quello di Eugen Bleuler, che ha minimizzato le modifiche percettive e ha sottolineato il disturbo del pensiero. Ironia della sorte, gli psichiatri più moderni, mentre a parole appoggiano Bleuler, ancora dipendono dalle allucinazioni visive e uditive prima di diagnosticare la schizofrenia. Ma la tendenza moderna è quella di dare sempre più risalto allo stato d'animo, e quando i pazienti sono depressi, sono immediatamente chiamati bipolari, e le modifiche percettive sono ignorate. La storia della schizofrenia nel corso degli ultimi 150 anni sarebbe stato molto diversa, e, a mio parere molto più positiva, se i criteri diagnostici di Conolly fossero stati accettati.
La schizofrenia è caratterizzata dalla combinazione di cambiamenti percettivi e disturbo del pensiero. I cambiamenti d'umore che sono quasi sempre presenti sono dovuti ai cambiamenti biochimici nel corpo. E' la reazione psicologica di questa malattia molto grave. Il disturbo dell'umore deve essere secondario rispetto al disordine percettivo e del pensiero. Il Disturbo schizoaffettivo è presente quando i cambiamenti dei disturbi percettivi e di pensiero sono presenti, ma solo durante la fase maniacale. E, infine, il disturbo bipolare è presente quando non ci sono cambiamenti percettivi o disturbi del pensiero fuori dalla mania. Usando il test HOD e simili test percettivi un professionista ravviserà la presenza di questi cambiamenti percettivi.

 

 

I tre principali disturbi psicotici
Il disturbo bipolare è caratterizzato da una serie di sbalzi d'umore, che oscillano dalla mania alla depressione con umore normale in mezzo. Non ci sono sintomi percettivi e disturbi del pensiero. Il ciclo varia enormemente da una volta al mese a una volta ogni pochi anni. I  moderni farmaci distorcono il tipico ciclo e in molti casi convertono la depressione in mania. Quando sono normali o depressi, i pazienti bipolari non soffrono dei sintomi tipici della schizofrenia, ma quando sono maniacali possono sentire voci e avere visioni. Ci sono quindi almeno due tipi di pazienti bipolari: quelli che non hanno alcun sintomo schizofrenico e quelli che lo hanno quando sono maniacali. Quali sono, dunque, e come dobbiamo chiamarli? La psichiatria gira intorno a questo, dando loro entrambe le diagnosi. Essi sono chiamati schizoaffettivi.
Inoltre rispondono in modo diverso alla terapia ortomolecolare. I bipolari non schizofrenici hanno bisogno di un trattamento stabilizzante, mentre i pazienti  schizoaffettivi hanno bisogno di questo trattamento, per la componente schizofrenica della loro malattia. Trovo che i pazienti schizoaffettivi sono molto più facili da trattare rispetto ai pazienti bipolari e i pazienti schizofrenici, e la loro risposta è molto buona.
La diagnosi può essere molto difficile, e spesso questo dipende più dall'orientamento del diagnosta che dalla malattia stessa. La diagnosi di "schizofrenia" è così triste e porta ad una prognosi infausta che molti medici preferiscono non pensare anche a questo proposito, e se i loro pazienti hanno sbalzi d'umore, minore o maggiore, essi li chiamano bipolari. Gran parte dei pazienti schizofrenici che ho visto sono stati originariamente chiamati bipolari, e le loro variazioni percettive erano state ignorate o non avevano suscitato interesse. In un importante studio recente (Weiser et al. 2001), è emerso che quasi il 30% della popolazione schizofrenica era stato diagnosticato un disturbo affettivo durante l'adolescenza, contro solo il 7% della popolazione generale. Ciò ha confermato ciò che ho osservato negli ultimi 50 anni, dopo aver visto più di 5000 pazienti schizofrenici.
L'ipotesi Adrenocromo
Sono i tre principali tipi di pazienti psicotici: bipolari, schizoaffettivi, e schizofrenici.
L'ipotesi dell'adrenocromo fornisce una spiegazione. Hoffer, Osmond, e Smythies (1954) hanno ipotizzato che la schizofrenia sia causata dalla formazione di adrenocromo nel corpo. L'Adrenocromo è il derivato ossidato della adrenalina. La reazione viene attivata da ossigeno, accelerata da enzimi ossidanti e da rame o ferro. La divisione di ricerca ha mostrato come sia possibile sintetizzare adrenocromo puro, che poi è stato identificato nel sangue e in altri tessuti e può essere misurato, di solito tramite la conversione in adrenolutina. Abbiamo dimostrato che si tratta di un allucinogeno. Abbiamo basato la nostre prove con la vitamina B3 sull'ipotesi che tutto ciò che può inibire la formazione di adrenocromo dall' adrenalina sarebbe terapeutico. Ma l'adrenocromo è solo un membro di una classe di indoli cromati che sono facilmente prodotti con le catecolamine: dopachrome dalla dopamina, noradrenalina da noradrenocromo e adrenocromo da adrenalina.
La quantità di adrenocromo che può essere formata dipenderà dalla quantità di adrenalina che il corpo può produrre. Ciò significa che sotto stress, quando la secrezione di adrenalina viene notevolmente aumentata, è più disponibile, e poiché l'adrenalina deve essere rimossa rapidamente a causa del suo effetto drammatico sulla pressione sanguigna, il corpo convertirà quanto più possibile sostanze che non aumentano la pressione del sangue. L'Adrenocromo è tossico per le cellule in divisione, ed è probabilmente uno dei metodi naturali per il controllo della crescita in eccesso, come nel caso del cancro, e per distruggere i batteri. E 'tossico per il muscolo cardiaco e i neuroni, in quanto sono tutti allucinogeni. I pazienti schizofrenici sono più inclini a malattie cardiache.
Questo suggerisce che i pazienti bipolari espellono grandi quantità di catecolamine, ma non le convertono più in adrenocromo. Essi non subiranno i soliti cambiamenti indotti da questo allucinogeno. I Pazienti schizoaffettivi invece producono troppe catecolamine quando sono in fase maniacale. Sono sotto stress estremo, ed è per questo che è solo in quella fase che produrranno adrenocromo sufficiente per causare i sintomi schizofrenici. I pazienti con grave insufficienza cardiaca hanno una maggiore quantità di adrenolutina nel sangue. Nel sangue, l'adrenocromo viene convertito in adrenolutina. I pazienti schizofrenici, invece, rilasciano troppo adrenocromo finché sono malati, se sono maniacali o depressi.
Il principale sintomo prodromico di mania in arrivo è la mancanza di sonno. Quando il paziente dorme 4 ore di sonno o meno, è in grave pericolo di andare in mania. Ho discusso con i miei pazienti cosa possono fare per evitare che ciò si verifichi. Uno dei miei pazienti era stato sotto controllo molto bene ma poi è andato a Las Vegas. Egli è stato travolto dal gioco, non è andato a letto (una pessima idea), e dopo 36 ore è diventato selvaggiamente maniacale e doveva essere rispedito a Victoria, ancora una volta psicotico.
Penso che una delle funzioni del corpo durante il sonno è quello di distruggere e rimuovere i prodotti del metabolismo che non sono più necessari o sono dannosi, e credo che la rimozione questi indoli cromati è una delle funzioni del sonno. Normalmente, se privata del sonno abbastanza a lungo, la gente diventa psicotica con allucinazioni tipiche. La privazione del sonno è ben nota come un presagio di cattive notizie. E non è interessante che le allucinazioni visive e uditive durante il sonno si chiamano sogni, e sono considerati essere
perfettamente normali? Menninger ha scritto che la schizofrenia era come un sogno dal quale non ci si risveglia.
Vi è una certa relazione tra allucinazioni e sogni. Ho notato in molti pazienti, che il sentire le voci durante il giorno diventa ascoltare i pensieri, e dopo un po si fanno sentire cose simili nel sonno, dove essi sono liberi da allucinazioni uditive. Io suggerisco che ci vuole un sonno minimo di 5 ore su 24 necessario per sbarazzarsi di un eccesso di indoli cromati adrenocromo e simili, e che è più saggio stare a una certa distanza da questo minimo.

 

 

Ci sono altri derivati ossidati di catecolamine come l'adrenalina e altri.
Adrenolutin è tossico, come lo è l'adrenocromo. Ma quando l'adrenocromo viene trattato con acido ascorbico in determinate condizioni, parte di esso viene convertito in 5,6-diidrossi-N-metil-indolo, che è stato chiamato leukoadrenochrome. Questa sostanza ha proprietà anti-tensione o antiansia.
Per una discussione più approfondita della relazione tra le catecolamine e la malattia mentale, vedere Foster e Hoffer (2004a, 2004b), Smythies (1997, 1998, 2002), e Smythies e Galzigna (1998).
Il trattamento ortomolecolare
La componente ortomolecolare del trattamento della schizofrenia è descritta in un manuale della Fondazione Internazionale schizofrenia e in un libro di storie di casi scritte da 18 pazienti (Hoffer 2007a, 2007b). Questo era il protocollo sviluppato sulla base dell'ipotesi adrenocromo. Nei disturbi bipolari in cui l'adrenocromo non sembra svolgere alcun ruolo si avrà bisogno di un trattamento diverso con molta più enfasi su come affrontare l'eccessiva produzione delle catecolamine. I farmaci usati per controllare la mania sono molto disponibili, soprattutto il litio. Si tratta di xenobiotici ,mal tollerati dal corpo, devono perciò essere usati con grande cautela, nella più bassa dose efficace possibile, e non per sempre.
Forse dovremmo considerare l'utilizzo di dosi molto più grandi di niacina, dal momento che è uno dei migliori antagonisti dell'adrenalina. Questa idea mi venne in mente qualche mese fa.
Una donna di mezza età mi ha detto che nel corso dei due anni precedenti era stata costretta ad avere un trattamento ospedaliero per due volte a causa del suo comportamento maniacale. Durante le domande di ammissione è stata trattata con il solito farmaco, ma dopo la dimissione ha rifiutato di continuare con i medicinali. Dopo la sua seconda ammissione, sei mesi prima che la vedessi, aveva ancora una volta smesso tutti i farmaci e cominciato a prendere niacina - 30 grammi due volte al giorno. Questa è una dose enorme che non raccomando, perché dosi elevate possono provocare nausea e vomito. Ma lei non ha avuto effetti collaterali di questo tipo. Era mentalmente normale. Quando le ho chiesto perché ne stava prendendo così tanta, mi rispose che si sentiva così bene che lei avrebbe preferito ingoiare 120 pillole niacina (500 mg) al giorno rispetto a uno qualsiasi dei farmaci che era stata costretta a prendere fino allora.

 

 

Altri pazienti hanno preso molta niacina, ma questo è molto raro. Ho consigliato al suo medico di riferimento che avrebbe dovuto diminuire la quantità molto lentamente, coerente con il suo attuale stato di buona salute mentale. Questo dovrebbe essere indagato. Pazienti bipolari e schizoaffettivi potrebbero rispondere anche ad alte dosi di niacina. La dose deve essere aumentata alla prima indicazione che si stanno muovendo in una fase ipomaniacale e poi maniacale.
Certamente, la niacina è molto più sicura del litio o qualsiasi altro tipo di farmaco attualmente in uso. È impossibile avvelenare se stessi con la niacina , se la dose è troppo alta, la nausea e vomito presto inducono chiunque a ridurre la dose. Saul (2007) ha riferito: "In un periodo di 23 anni, le vitamine sono state collegate con la morte di un totale di dieci persone negli Stati Uniti. Statistiche antiveleno confermano che più americani muoiono ogni anno per mangiare sapone che per assumere vitamine". Circa la metà della popolazione prende vitamine. Se siete ancora preoccupati per il pericolo di prendere niacina, leggere Hoffer e Foster (2007), e ricordate che io stesso dal 1955, prendo almeno 3 grammi di niacina al giorno.
Libera traduzione articolo di Abram Hoffer, psichiatra ortomolecolare.

 

Commenti   

0 #5 gianfrancesco 2017-01-06 20:04
se le soluzioni ortomollecolari sono così efficenti, perchè non ci sono medici
Citazione
0 #4 vasilka 2016-01-06 15:58
Ciao da anni mi hanno diagnosticato disturbo bipolare non specificato. Seguo la terapia farmacologica con Depakin da cinque anni per non sofrire effecti secondari di questo farmaco lo devo sostituire i risci di ricadute si aumentano senza farmaco ho bisogno di sapere e profondire nella cura ortomolecolare ho bisonio di aiuto dove sono i centri specializati? O almeno una persona che mi puo aiutare vi ringrazio e aspetto risposta
Citazione
+2 #3 dr saverio vatrella 2015-12-19 17:45
Salve chiedo gentilmented di essere aggiornato sulla terapia ortomolecolare nel disturbo bipolare.Vi ringrazio anticipatamente e invio i miei più cordiali saluti
Ps il mio nm e'3389069771
Citazione
+1 #2 angelo 2015-12-11 14:07
Salve.
Vi chiedo cortesemente come essere seguito da psichiatri o esperti ortomolecolari qui in Italia.
Il mio cell. 3318044288
Vi prego cortesemente di aiutarmi
Angelo
Citazione
0 #1 pichio 2012-12-27 19:46
chi sa di terapia delle sanguisughe ? http://sanguisugheamedicinalis.blogspot.com
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna