Cause biologiche

Aspetti nutrizionali della depressione

Aspetti nutrizionali della depressione
Dott. Paul C. Eck, Dr. Larry Wilson


Questo materiale è esclusivamente a scopo didattico
Le seguenti affermazioni non sono state valutate dalla
Food and Drug Administration (ente americano per il controllo dei farmaci ndt).
Questa informazione non è destinata a diagnosticare, trattare, curare o prevenire alcuna malattia.
© Copyright 1991 - Istituto Eck di Nutrizione Applicata e Bioenergetica, Ltd.

 

Introduzione
La depressione è uno dei problemi più comuni che vengono lamentati dai pazienti quando si rivolgono al proprio medico.
La depressione può causare perdita di produttività, discordia familiare e nei casi più gravi anche il suicidio.
Mentre la depressione può avere cause psicologiche, la nostra esperienza indica che una grande percentuale della depressione oggi è sorprendentemente associata a squilibri nutrizionali.
La depressione legata alla Nutrizione risponde eccezionalmente bene ai programmi di correzione nutrizionale.

Cause nutrizionali della depressione
L'analisi dei capelli ci ha permesso di correlare la depressione mentale con squilibri biochimici specifici.
Esaminiamo i più comuni di questi:

Perdita di energia
La perdita di energia ha effetti profondi sul sistema nervoso centrale ed è una causa comune di depressione.
Essa si può rilevare da un'analisi di schemi minerali diversi:

Ossidazione veloce.
Un tasso di ossidazione più rapido del normale abbassa l'efficienza del glucosio.
Questo può comportare una perdita di energia, e spesso sentimenti di depressione. L'ossidamento veloce spesso comporta 'spruzzate' di energia che si alternano a esaurimento.

Questo tipo di patologia può essere etichettata come sindrome maniaco-depressiva o disturbo bipolare.

Il calcio dei capelli e i livelli di magnesio possono scendere al di sotto dei valori normali quando il tasso di ossidazione è rapida.
Il magnesio è essenziale per l'adenosina trifosfato (ATP), la produzione all'interno delle cellule del corpo. Il calcio è essenziale per la normale attività del sistema nervoso. Una carenza di rame è anche comunemente presente in questi individui. Il rame è essenziale per il funzionamento normale del sistema di trasporto degli elettroni, la serie di reazioni chimiche in cui l'energia generata è più consistente.

Ossidazione lenta:
Una lenta ossidazione, un rallentamento della attività metabolica è strettamente correlato con la fatica, e spesso con la depressione mentale. L'attività delle ghiandole surrenali e della tiroide rallenta, questo può portare alla depressione per diversi motivi:


Il cortisolo, un ormone prodotto dalle ghiandole surrenali, povoca in genere una sensazione di euforia. Un deficit di secrezione di cortisolo a causa di insufficienza surrenalica è associato con la depressione.

Le ghiandole surrenali producono adrenalina e noradrenalina, due potenti ormoni neurostimolanti. Una carenza di questi ormoni può causare perdita di attività del sistema nervoso, con conseguente sensazione di letargia.

Bassi livelli di cortisolo nel sangue, livelli bassi di zuccheri possono causare stanchezza e depressione.

La ridotta attività della tiroide riduce l'utilizzazione del glucosio, contribuendo alla perdita di energia.

Elevati livelli di calcio e magnesio nel tessuto a lenta ossidazione hanno un effetto sedativo. L'effetto di un eccesso di calcio è un tessuto molle o paralizzante con effetto deprimente sul sistema nervoso centrale.

L'ossidazione lenta è anche comunemente associata ad una carenza di calcio e magnesio disponibili. Questo influenza negativamente la produzione di energia cellulare.

Quando il calcio nei tessuti e livelli di magnesio sono superiori a circa 200 mg%, ci riferiamo alla condizione del "guscio di calcio". Gli individui con questo modello sono comunemente difensivi, ritirati e mentalmente depressi. Il guscio di calcio è un meccanismo di coping estremo, provocato da squilibri nutrizionali o emotivi.


Il Rame si accumula nei tessuti dell' ossidante lento, a causa della debolezza della ghiandola surrenale. Livelli tissutali di rame alti sono intimamente associati alla depressione. Sebbene il meccanismo non è chiaro, è noto che le Ammino ossidasi sono enzimi dipendenti dal rame. Una classe di farmaci anti-depressivi (MAO=MonoAmminoOssidasi ).

Bassi livelli di potassio nel tessuto, comunemente osservato nella lenta ossidazione, possono contribuire alla fatica e la depressione. Il potassio è necessario per sensibilizzare i tessuti di ormone tiroideo ed è un regolatore fondamentale del metabolismo.

L'ossidazione lenta può anche sviluppare un disturbo bipolare. Una ragione di ciò è che il rame può avere un effetto stimolante, causando fluttuazioni tra uno stato maniacale e le condizioni di depressione.

 

Rapporto calcio / magnesio.
Un rapporto calcio / magnesio 10:01 sopra o al di sotto 3.3:1 è indicativo di un problema di zucchero e di intolleranza ai carboidrati. Lo scarso utilizzo dello zucchero è una causa comune di un livello basso consumo energetico e conseguente depressione. Le diete ricche di zucchero raffinato, anche eccessivi succhi di frutta, possono alterare il metabolismo dei carboidrati e portare a livelli energetici più bassi.

L'uso di stimolanti come bevande di coca-cola, l'unione dello zucchero con eccessiva caffeina e altri stimolanti, possono contribuire ad un disturbo dei sistemi energetici del corpo.

 

Basso rapporto di sodio / potassio.
U rapporto minore di 2.5:1, è anche associato con lo squilibrio dello zucchero nel sangue, esaurimento surrenale e depressione. Questo rapporto basso indica la ripartizione eccessiva di proteine, di solito come conseguenza di una incapacità di metabolizzare correttamente il glucosio nelle cellule del corpo.
Questo grave squilibrio provoca comunemente sentimenti di depressione.
Un basso rapporto di sodio e potassio è spesso associato a sentimenti di frustrazione, risentimento e ostilità.
Quando questi sentimenti diventano schiaccianti, la depressione può insorgere.


Bassi livelli di catecolamine (adrenalina, noradrenalina e dopamina) possono provocare la depressione. Questo potrebbe spiegare perché gli integratori alimentari che aumentano la produzione di catecolamine, come gli acidi amino fenilalanina e tirosina, vitamine B1, B3 e B6 sono utili per alcuni individui con la depressione.
L'ossidazione lenta è particolarmente incline alla carenza di catecolamine.


Metalli tossici.
La tossicità del piombo è spesso associata alla depressione. Il piombo può causare una perdita di calcio o interferire con lo zinco, il rame o il metabolismo del ferro. L' accumulo eccessivo di altri metalli tossici come il cadmio e il mercurio sono anche associati con la depressione.
Questi metalli tossici interferiscono con la produzione di energia e la sintesi di enzimi vitali.

 

Allergie alimentari o sensibilizzazione.
L'ingestione di un alimento particolare può portare a sentimenti di depressione. Le ragioni di ciò non sono chiare.
La causa può riguardare il contenuto nutritivo degli alimenti, o ad un additivo chimico o di altro componente del cibo.
Si può essere sensibili a qualsiasi cibo, anche al cioccolato, al latte, il grano, la soia, le uova e lievito sono gli alimenti più comuni reattivi.

Spesso, la sensibilità verso gli alimenti è dovuta a squilibri nutrizionali di base. Anche se il cibo reattivo deve essere sospeso, gli sforzi per ristabilire l'equilibrio o la chimica del corpo normale si traduce spesso in una minore sensibilità al cibo.

I sintomi più comuni della depressione includono apatia, sentimenti di disagio e spesso disperazione.
Interrogati, la maggior parte delle persone depresse provano fatica.

La depressione biochimica non è un'entità isolata, una malattia come noi a volte siamo portati a credere. Invece, almeno in alcuni casi, si tratta di una fase tardiva di una sindrome di esaurimento maggiore o burnout.
Lo sappiamo perché l'energia viene ripristinata su un programma nutrizionale, molti pazienti segnalano una diminuzione della depressione, ma un aumento temporaneo della fatica.
Queste persone sono ripercorrendo la causa della loro depressione, iniziata con fatica.
Per riprendersi dalla depressione, devono passare di nuovo attraverso una fase di maggiore consapevolezza della fatica. Visto in questo modo, la depressione è un adattamento allo stress schiacciante.
Esaminiamo questa idea in modo più dettagliato.

 

La depressione come adattamento allo stress cronico schiacciante
L'adattamento è un modo in cui il corpo si modifica per far fronte allo stress.
I terapeuti spesso raccomandano che una depressione si deve combattere. Questo approccio può essere corretto in alcuni casi, tuttavia, se la depressione è dovuta ad esaurimento, come comunemente si trovano, non ha molto senso sprecare la propria energia in questo modo.
Invece, è più corretto comprendere la depressione come un meccanismo di adattamento o di coping del corpo. Quando il corpo è in grado di generare energia sufficiente a far fronte, invia un segnale di ritirare o rallentare, causando la sensazione che noi definiamo depressione.
Come meccanismo di coping, la depressione è un impegno positivo da parte del corpo per risparmiare energia e prevenire ulteriore depauperamento delle sue riserve di energia.

Questa depressione adattativa andrà via senza alcun trattamento a tutti, quando la necessità di adeguamento viene rimossa per ripristinare la produzione di energia cellulare.

 

Correzione nutrizionale della depressione
Per correggere la depressione occorre identificarne la causa. Le analisi minerali del tessuto può essere utile a questo scopo. Una volta che i modelli di minerale anomalo della persona sono stati identificati, potranno essere raccomandate modificazioni della dieta e integratori alimentari .

 

Commenti   

+1 #4 monica 2012-10-22 22:06
Salve,mi chiamo Monica ho 40 anni e da un forte stress squilibri metabolici, aumento di peso...depressione e insulinemia.Vorrei sapere se il cortisolo nel sangue si dosa durante il ciclo oppure in quale periodo,visto che gli altri ormoni sono stati dosati nel periodo mestruale. Vorrei fare inoltre accertamente per controllare la funzionalità della mia ipofisi. Grazie
Citazione
+2 #3 remeron 2012-10-21 19:55
non c'è niente di nuovo in quello che dici, negli anni 60/70/80 la chiamavano medicina ortomolecolare(Linus Pauling, Irving Stone), che considerava un'integrazione di base per tutti di alti dosaggi(megadosi) di vitamine, prime fara tutte la C, e la B3 specialmente per schizofrenia, disturbo bipolare, depressione maggiore, alcolismo etc etc la niacina era utilizzata a dosaggi ortomolecolari(megadosi) dalgli psichiatri Humphry Osmond e Abram Hoffer, poi l'industri farmaceutica ha insabbiato tutto, perchè le vitamine non si possono brevettare e dobbiamo consumare i loro farmaci di merda ed essere malati a vita.
http://en.wikipedia.org/wiki/Orthomolecular_medicine
Citazione
+1 #2 Mabiem 2012-04-15 12:21
Per quanto riguarda il Mineralogramma ti ri mando anche alla lettura di
http://www.sfidabipolare.net/forum/bipoforum/index.php/page/demo/demo.html/_/corpo-mente/nozioni-varie/mineralogramma-r125.
Trovi il link dal quale è tratto l'articolo e, in questo link, le informazioni per effettuare il test
Citazione
0 #1 stelladanzante 2012-04-15 11:27
Vorrei fare l'esame del capello (ci sto già pensando da un pò) per vedere se ho degli squilibri che possono essere causa del mio problema. Potete indicarmi dei posti affidabili in cui farlo. Io vivo a Milano. Grazie.
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna