Mondo Bipolare PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 18
ScarsoOttimo 
Scritto da Durlindana   
Mercoledì 30 Giugno 2010 20:32

 

STRUTTURA DELLA BIPOLARITA

 

La bipolarita comporta una faccia o struttura che si potrebbe riassumere nel seguente modo:

 

OSCILLAZIONE INSTABILE DELL ‘UMORE

 

Oltre al passaggio da uno stato emozionale all'altro,esiste una tendenza a resistere.

A  questa alternanza dell'umore durante la vita. Senza un motivo certo la persona salta da un picco all´altro e questo si puo' osservare puntualmente, nel considerare la totalita' della sua storia si deve considerare che ogni episodio forma parte di una  piu' ampia catena, di una sequenzialita' ripetitiva propria della natura bipolare.

 

Questa ciclicita'puo' non presentarsi per vari mesi,vivendo una apparente o reale armonia, pero' la possibilita' di cadere in una fase depressiva o di mania e' sempre presente come una minaccia costante. In questo modo l'oscillazione assume  la figura di un qualche cosa di ricorrente pero' instabile. Il giorno e la notte si susseguono in modo "stabile", per il contrario nel succedere bipolare tutto e' incerto,ciclico e instabile ( versi di Alfonso Reyes:  Gia e' uno stabile disgusto cio' che prima era risa)

 

COMPORTAMENTO IRREGOLARE

 

Altra caratteristica delle persone bipolari e' la irregolarita' e la assimetria della loro condotta che non segue,generalmente,una linea direttrice prevedibile, se non che vanno e vengono in accordo con il termometro emozionale interno.

Naturalmente questo provoca che ne risentano I suoi rendimenti nelle distinte aree della sua vita e que appaiano, davanti agli occhi degli altri, come persone inconstanti e poco disciplinate,questi comportamenti,  inoltre,possono essere esplosivi come un terremoto que si manifesta inaspettatamente e inspiegabilmente,tanto  per il bipolare come per le persone che lo circondano.

 

ATTEGGIAMENTO DAVANTI ALLA STANCHEZZA

 

I bipolari hanno un atteggiamento abbastanza proprio, di stancarsi progressivamente. Questo non si deve tanto alla stanchezza, tipica di uno sforzo, ma alla noia che le provoca la routine. Di conseguenza , ogni tanto,devono cambiare la loro attivita' e fare altre cose cercando di sperimentare qualcosa di differente,perche',quando cio' lo invade, sente che e' uno scenario che lo affligge e dal quale non puo' scappare.

 

L'osservatore inesperto,potrebbe dedurre che al bipolare manca la volonta' e la fermezza e ha ragione,però questo accade per ragioni differenti a quello che l'osservatore pensa. Non si tratta, per esempio, di scarsa disciplina, ma di una necessita´ di rinnovati e sempre crescenti stimoli, che quando vengono a mancare lo affondano nel tedio e nel disinteresse.

 

Bisogna anche prendere in considerazione che il pugno della depresione che schiaccia in silenzio il cuore del bipolare ( anche in mania) sono anch'essi motivo del suo consumo di energie. Da una parte, consuma le sue energie interne, dall´altra affronta un mondo carico di avversita' che lo schiacciano." Non e' la stanchezza....e' la quantita´ di disillusioni che  penetrano nel pensiero ( Versi di Fernando Pessoa: e' una domenica al contrario del sentimento,una festa passata in una profondita' immensa )

 

 

VINCOLI E PROGETTI

 

Tutto cio' che si relaziona con i progetti rappresentano un'area di importanza conflittiva. Il bipolare cambia rapidamente di atteggiamento davanti ai suoi progetti e affetti. Gli e´ difficile mantenere relazioni profonde e durature por molto tempo. E' comune incontrare , nella storia di queste persone, varie esperienze di cambi di lavoro, di interessi e di coppia, generalmente, con separazioni conflittive. Questo in parte si deve alla ricerca di una diversita´ di esperienze, come un alimento significativo per l'anima e alla  complessita' del suo mondo personale e alla tendenza a costruire vincoli disfunzionali.

 

 

 

AFFRONTARE NUOVE SITUAZIONI

 

I bipolari hanno una eccitazione inizialmente bassa e una risonanza di breve durata.Puo' succedere, tuttavia,che all'inizio le nuove proposte possano avere una forte intensita' che decade in poco tempo, come se nel trascorso del tempo cadessero le motivazioni.

Qualcosa di simile accade con rispetto agli obiettivi e alle persone: conoscenza affettiva facile pero' non prolungata nel tempo. Pero´.se il contatto provova effervescienza, puo' arrivare a essere esplosivo e senza transizioni. Nonostante l'intensita' non per questo, tuttavia, smette di essere una relazione superficiale.

Questo spiega i due modelli interpersonali molto frequenti nel bipolare: non involucrarsi ( che viene interpretato dagli altri come una mancanza di compromesso)  al contrario involucrarsi totalmente. In questo senso, e' tipico che quando un bipolare conosce  una persona che le risveglia attrazione sessuale reazioni, per esempio, in questo modo: ciao, come ti chiami? Andiamo a vivere insieme? "(Versi di Efrian Herta:  "In questioni d'amore  ( o come si chiami) sono sempre stato un poco prematuro" )

 

AUTODISTRUTTIVITA'

 

Le persone  bipolari hanno una grande propensione a distruggere ,con il loro comportamento, tutto cio che hanno costruito, che siano vincoli affettivi, sviluppo professionale o laborale...( Versi di' Pedro Salinas:" sono al bordo di essere quello che piu disprezzo: Caino di cio' che voglio")

E' frequente incontrare,nei suoi racconti, un riconoscimento che le sue attitudini furono la causa delle sue perdite, sia materiali che psichiche..che, molte volte, potrebbe visualizzare con anticipo il risultato finale disastroso dei suoi atti, perche´, anche cosi´, non potrebbero detenere la impulsivita' coercitiva che sottomette. E' che nella  profondita' della loro anima si puo' scoprire un incosciente e opprimente sentimento autodistruttivo.che li soggioga con violenza, e che e´, sicuramente relazionato con la ferita nell'autostima  e la valutazione personale che i bipolari hanno di se stessi. E' come se la loro condotta esprimesse " Niente posso avere, perche´ non merito nulla"

 

SENTIRSI INCOMPRESO

 

Altra faccia interessante della personalita bipolare e' la sensazione di essere incompreso e di essere convinto che nessuno puo' sapere, del suo dolore e per tanto, non c'e chi possa aiutarlo'( Versi di Alejandra Pizamik: " chi arriva non mi incontra chi aspetto non esiste)  Questo modo di vivere e' la madre della sua tristezza che, normalmente si nasconde nella sua coscienza in modo torturante. La ragione della sua credenza che nessuna persona possa capire i motivi del " disastro della sua vita" si deve, in parte, al fatto che essi per primi ne ignorano le cause sicuramente per la loro difficolta' di sommergersi nelle pieghe della sua intimita'.

Al non avere interlocutori, in certe occasioni, li conduce a escludersi da una vita sociale attiva. Pero' con il tempo, la solitudine, tanto ai bipolari come al resto delle persone , Come dice un Poeta," Puo' levarci ad estremi esagerati".In questa attitudine di isolamento non sono governati per sentimenti di orgoglio o superiorita', ma trascinati per una sensazione di sradicamento e disconnessione.

( versi di Jasmine Sabines: " Immobile nell'ombra, muto come una pianta,interrato,quieto, con paura del nulla, con la descomposizione della carne, pero' senza essere morto")

Sentirsi incompresi puo' condurre all'isolamento, puo' anche portare alla indiscriminazione della sua condotta ( per esempio la promiscuita', ma il risultato e' sempre  uguale in entrambe le reazioni: solitudine, incomprensione.

 

C'e un' altro aspetto che questo problema deve considerare con cautela. Si tratta che il bipolare vive la realta' che pensa come evidente, cosi' come espresse con maggiore precisione e bellezza , che le mie parole di terapeuta, questi  versi di Pessoa " Albergo nel petto ,  un nemico che temo offendere, un cuore esageratamente spontaneo, che sente tutto quello che sogno come se fosse  realta', che accompagna lentamente con il piede la melodia delle canzoni, che il mio pensiero canta, canzoni tristi, come le strade angoste quando piove."

I sogni dei bipolari non sono fantasie per loro e le immagini mentali

che le formano hanno una esistenza concreta e il carattere multidimensionale di queste, fa si che siano molto difficili  da esprimere con le parole. Da un lato, quello che essi "vedono" come reale e' per chi gli sta vicino, l'osservare attentamente un'ombra che non possono  rappresentare e ancor meno comprendere.

 

ATTENZIONE FLUTTUANTE

 

I bipolari sono molto connettati e uniti con il loro intorno in un modo peculiare e inconfondibile: sono attenti ma non concentrati. Legati al contesto pero' non al centro. Percepiscono tutto ,non si perdono in dettagli, sintetizzano molto, ma analizzano poco.Questo meccanismo gli da una prospettiva  della realta' non abituale  li conduce a raggiungere conclusioni( ottenute intuitivamente) che sorprendono tutti.

Concentrarsi  risulta problematico e lo sforzo che devono realizzare per ottenerlo aumenta la loro oscillazione, perche' contraria ad una tendenza naturale opposta che li conduce in confusione.

 

Per un lato ,il bipolare, puo'essere piu aperto a sperimentare la totalita' degli stimoli della realta'non comune alle altre   persone. Puo',pero', essere propenso ai fracassi "scolari e lavorativi"dato che le richieste accademiche seguono regole totalmente distinte dal loro modo di operare

Il bipolare e' piu' aperto a sperimentare la totalita' degli stimoli della realta' a differenza delle persone comuni.Questo puo' causare, da un lato, se non si conosce  il suo modo di pensare, si considera dispersivo, quando in realta' il suo diaframma percettivo e' molto aperto.

VORACE CURIOSITA

 

La curiosita' si collega all' orrore del bipolare per la noia e il forte sviluppo  dei sentimenti di interesse, che non hanno altro obiettivo che interattuare attivamente con le cose con le quali si relaziona. Quando la noia lo assale tenta di scappare da questa situazione ricorrendo a tre meccanismi basici: sognare ad occhi aperti, cambiare il centro d'attenzione verso altri centri di interesse e mettersi in movimento.

La curiosita' conduce il bipolare (adulto o bambino) a cercare nuove esperienze, cercare di provare tutto,intromettersi in tutto.Puo' risultare fastidioso per gli altri,pero' il bipolare non vuole infastidire nessuno, ma agisce  in funzione di un impulso naturale per esplorare il mondo.

 

UNIONE DI DIVERSI COLORI

 

Vista da una prospettiva positiva l'oscillare implica la capacita di  porsi in un punto di vista differente dall'attuale, questo puo, risultare una buona strategia per comprendere quello che non si conosce.

Con il passaggio da un polo all'altro, il bipolare percorre una gamma di variazioni a gran velocita'. Questo gli permette di raggiungere, quando sta bene,  il dominio di una vasta scala di emozioni differenti, in un tempo record e sperimentare un arco ampio di toni di colori affettivi nei vincoli e nelle comunicazioni.

 

PENSAMENTO CONCRETO

 

Le forme di pensare riflettono modi confusi di intendere il mondo.Il pensiero bipolare e' dialettico,circolare,dinamico,totalizzante,pieno di qualita, sensibili ,come una specie di sistema di concetti vivi sommersi da  immagini, in questo modo, per il bipolare, l'universo e' una realta' concreta,plastica, pero' soprattutto in movimento.

Questo tipo di strategie cognitive lo costringe a lavorare con grandi blocchi di informazione a maggior velocita, della sua formulazione verbale, questo puo' procurare un maggiore rendimento intellettuale,un miglior controllo dell'equilibrio emozionale e poter entrare nell' area della personalita, dove non esistono parole (l'incosciente).E' chiaro que questo funziona come una predisposizione alla distorsione nel bipolare che  indica la potenziale ricchezza della sua mente.

 

D'altra parte,oltre a questa caratteristica, il pensiero bipolare possiede una orientazione intuitiva e multidimensionale. la prima lo porta ad essere capace di giungere a conclusioni sorprendenti, anche se non riesce a rendersi conto dei processi che l'hanno condotto a tale risposta, secondo, possono interpretare i loro pensieri come realta; da numerosi punti di vista simultanei e con grande intervento di tutti i suoi sensi.

Le parole per il bipolare,come esso le esprime, sono immagini sensoriali e  immagini di questa natura non si possono fissare perche', quando termina di percepirle le perde come tali e non e' possibile dare una spiegazione . Ci si puo' dare conto dell'accelllerazione di idee che per momenti li invade per tentare di subsanare tale limitazione.

 

CREATIVITA

 

Francisco Alonso Fernandez segnala che " si dispone di sufficiente documentazione per segnalare che la personalita', ciclotimica,il terreno prediletto del disturbo bipolare,riunisce aspetti positivi per la creativita' filosofica e altre modalita',dovuto  come ad una somma di facolta' privilegiate come le seguenti: l'istinto per la ricerca di nuove idée o esperienze,la determinazione per mantenere atteggiamenti poco convenzionali, lo spirito per il rischio nella lotta sociale ecc.ecc."

Questa affermazione dell'autore del " Il talento creatore" coincide con le mie indagini al rispetto.

 

SBADATEZZA

 

I bipolari spesso hanno una condotta sbadata e inadeguada. Le sue relazioni  interpersonali si manifestano con mancanza di lucidita' sembrano inetti e mancano di abilita' per dire l' appropriato, iniziare o chiudere un discorso in modo "dialettico"

Che cosa provoca questa sbadataggine nel bipolare? Nel mondo interno che diminuisce la sua autostima ( gia' di per se bassa) e nell'esterno  si paralizza o si accellera e diventa hiperkinetico, aumentanto cosi la sua incoordinazione.

Un equivalente della sbadataggione e' il disorientamento spaziale e la perdita di equilibrio di cui frequentemente soffrono. Si mareano viaggiando in automobile e quando questa e' ferma sentono que si muove,calcolano male le distanze e normalmente si perdono.

Di fronte ai rimproveri degli altri per le loro frequenti " sbadataggini" e "disattenzioni" un bipolare potrebbe fare sue queste parole del grande poeta messicano Jaime Sabines: " ti dicono disattento perche' loro sono abituati ai giardini, non alla selva".

 

Tratto da www.redbipolar.com Scritto dal Dr. E. Grecco


 


Ultimo aggiornamento Martedì 03 Maggio 2011 10:41
 

Commenti  

 
0 #16 Maori 2014-10-23 16:42
Ciao Andrea, una domanda...
si può arrivare fino a 50 anni senza accorgersi di essere Bipolare? Magari se non il soggetto in prima persona, è possibile che anche i familiari che gli stanno intorno non se ne accorgano?
Ho letto che è davvero difficile che il bipolarismo si sviluppi in età adulta e che chi è bipolare ha avuto certamente altri episodi nel corso della vita.
Cosa mi dici a riguardo?
Citazione
 
 
0 #15 Maori 2014-10-14 15:35
Grazie infinite Andrea.
Auguro tutto il meglio anche a te!
Citazione
 
 
+2 #14 Andrea 2014-10-14 14:46
...amare un bipolare e' la cosa piu difficile che ci sia...non esisite logico con un bipolare...devi pensare in modo logico e poi rovesciare completamente tutto...se ti inizi a mettere un questa logica puoi riuscire quanto meno a stargli vicino...e'atro ce lo so...devi fare un passo indietro e vedere tutto da un altra ottica altrimenti assorbi il suo dispiacere e non ce la farai neanche a sostenerla poi...quattro mesi non sono poi cosi tanti io ne ho fatti passare anche sei...un bipolare non ha cognizione spazio tempo come la vostra...sento che lei a parlare e' come se fossero passati 3 giorni...beh che tu ci creda o no per noi e' cosi...si perde la cognizione del tempo quando c'e' la fase down...ha i presente quando fuori diluvia e ti fa voglia di prendere il plaid e guardare la tv??...la fase down e' come quando fuori piove...il nostro manto di tristezza ci avvolge e ci scalda e paradossalmente ci piace perche ci protegge...perc he nessuno ci dice cosa si deve fare... perche nessuno ci fa ricordare quanto siamo diversi....ci mettiamo li ed appassiamo.
Poi un giorno si sente che il vento e cambiato...che palle questo plaid...ci si alza si guarda il calendario e...cazzo sono gia passati 4 mesi...sembra ieri!...si sembra ieri perche abbiamo dormito tutto questo tempo.
Ecco come funziona il gioco...
Ti devi interrogare e capire se la ami veramente...se cosi' e' ti servono forze energie perche se ti ci logori poi chi ti aiuta ad aiutarla???...c on questo ti saluto se vuoi chiedermi altre cose su come funziona saro' piu' che felice di aiutarti..spero vada tutto per il meglio!!!
Citazione
 
 
-1 #13 Maori 2014-10-12 13:07
Ps.
per rispondere alla tua domanda, la stabilità non è andare dai suoceri la domenica, ma sentire che la persona che ami c'è e continuerà ad esserci, non vivere col terrore che da un momento all'altro ti abbandoni. Questo può succedere in tutti i rapporti lo so, ma la differenza nell'amare una bipolare sta nel fatto che con questa ti illudi che la fase up la faccia tornare in sé e vivi in quella continua tortura della speranza, in quel continuo su e giù tra illusione e delusione che ti spacca il cuore.
:cry:
Citazione
 
 
0 #12 Maori 2014-10-12 12:45
Andrea grazie di cuore, mi stai aiutando tanto a capire, non avevo mai sentito parlare di bipolarismo prima di questa situazione che vivo. Capisco bene il tuo dolore, voi non ne siete causa, ma vittime come anche le persone che vi amano. Se potessi ti abbraccerei, si percepisce un sacco la tua infelicità, esattamente come la percepisco nella donna che amo. Per noi la situazione è molto complicata, la peggiore possibile, abitiamo lontanissimi, siamo entrambi sposati ed io sono di 20 anni più giovane di lei. Io sono certo di amarla alla follia, amo la sua anima dolce, la sua sensibilità, il suo essere romantica come una "dama dell'800", la sua intelligenza brillante, la sua cultura. È anche una donna bellissima, ma questo non conta neanche per me (forse la vedo anche più bella proprio perché l'amo). Provo per lei l'amore più puro che si possa provare, ma visto che la fase Down dura ormai da circa 4 mesi (lei mi dice di avvertirla come se fossero trascorsi solo 3 gg) comincio a chiedermi se tornerà mai come prima. Soffro al punto che vorrei morire e non so che fare.
2 gg fa mi ha chiamato è mi ha detto che tutto quello che ha provato con me è vero, che lo porterà nel cuore come la cosa più bella ed importante della sua vita, ma che ha capito che sono troppo giovane per lei e sarebbe contro natura continuare su questa strada. Le ho chiesto se allora non mi ama più visto che si è resa conto del fatto che sono troppo giovane e lei rimane in silenzio e dopo un po' dice di non potermi rispondere senza gettare al vento mesi di terapia. Quando le chiesi se era l'ultima volta che l'avrei sentita mi ha detto di non dirci addio, che non ce la fa.
Sto impazzendo, l'età è diventata un problema all'improvviso, per sei mesi è stata trascurabile?
Come si può vivere con la speranza che tutto torni come prima, quando magari non accadrà mai? E se dovesse accadere, quando avverrà, quanto durerà? Se avesse trovato il coraggio di amarmi solo in una fase UP particolarmente propositiva?
Sto impazzendo, la amo troppo per lasciarla andare e allo stesso tempo, la amo troppo per sopportare di vederla in questo stato.
Forse ha ragione lei, se fosse stato destino stare insieme, la vita non ci avrebbe messo contro tutte queste difficoltà... ma il pazzo sono io che non lo accetto e mi sto lasciando morire giorno dopo giorno.
Ti ringrazio ancora Andrea e ti auguro di riuscire a trovare un giorno la forza di mettere a tacere quel maledetto diavoletto che ti impedisce di chiamare la donna che ami e che tu possa vivere felice con lei.
Citazione
 
 
+1 #11 Andrea 2014-10-12 09:09
CIAO SE RIESCO TI AIUTO VOLENTIERI, ORA NON SO I DETTAGLI NELLO SPECIFICO MA A QUELLO CHE MI DICI TI POSSO DIRE CHE E' TIPICO...LE MEDICINE NON CREDO LA ABBIANO ROVINATA E' CHE MAGARI TU L 'HAI CONOSCIUTA NEL PERIODO DI UP...SOLO CHE ADESSO C'E' LA DISCESA E NON SAI MAI QUANTO DURA...PENSA CHE IO FACCIO I SALI E SCENDI NELLO STESSO IDENTICO ISTANTE E PARADOSSALMENTE E'QUASI PEGGIO PERCHE EÌ COME SENTIRE DUE VOCI CHE SI PARLANO ADDOSSO ED UNA DICE L'OPPOSTO DELL ALTRA.
LA PSICHIATRA MAGARI FORSE PUO' AVER ESAGERATO NELLA CURA..NON LO SO EH STO TIRANDO AD INDOVINARE...MA CON IL DISTURBO LA CURA SERVE E' NECESSARIA SPECIALMENTE PER LE FASI CRITICHE....ANC HE SE....NON BASTA!...DEVE FARE UN PERCORSO CON LA PSICOTERAPEUTA PER SCAVARE DENTRO DI LEI...NON HO DETTO NE PSICOLOGA...NE ANALISTA...MA PSICOTERAPEUTA TIPO ROBIN WILLLIAMS IN WILL HUNTING.
QUANDO C'E' LA FASE DOWN LA PERSONA NON LA RICONOSCI PIU'...GLI PARLI E SEMBRA CHE STAI PARLANDO AL MURO...IN REALTA' STIAMO MOLTO MOLTO MALE VORREMMO AVVICINARCI MA E' PIU' FORTE DI NOI ...C'E' COME UN BRACCIO INVISIBILE CHE CI PORTA VIA...PROBABILM ENTE QUESTA RAGAZZA E' ANCHE INNAMORATA MA IL SUO AMORE VA IN BASE ALL'UMORE...CRE DIMI GIURO SU DIO CHE SO DI COSA PARLO...IO STO ATTRAVERSANDO UNO DI QUEI MOMENTI BUI..DURA DA MESI...IL LAVORO NON VA....NON RIESCO A TRASMETTERE ENERGIA ALLE PERSONE....I SOLDI SCARSEGGIANO... .AVEVO TROVATO UNA RAGAZZA SPLENDIDA MA NON RIESCO A VIVERLA...HO UNA SUA LETTERA SULLA MIA SCRIVANIA DOVE MI HA SCRITTO TUTTI I MOMENTI BELLI PASSATI ASSIEME...L'HA RIEMPITA CON IL SUO PROFUMO CHE A ME PIACE TANTO...E NON RIESCO A COSTRINGERMI A CHIAMARLA...MI HA SCRITTO CHE LEI MI ASPETTA PER UN ABBRACCIO ED IO TESTA DI CAZZO CHE NON SONO ALTRO TARDO ANCORA A FARMI SENTIRE.
TI PARLO DI ME PERCHE FORSE CI POTRAI TROVARE DELLE ANALOGIE...HO RICEVUTO LA LETTERA IERI...MA NON NE VOLEVO SAPERE QUASI MI HA DATO NOIA IL GESTO...OGGI PRENDO LA LETTERA ASCOLTO IL PROFUMO E MI SEMBRA DI ESSERE LI CON LEI...VOGLIA DI BACIARLA...DI SENTIRLA...ED UNO DIREBBE OK PERFETTO CHIAMALA...STO PER FARLO E MI BLOCCO MI PRENDE IL RIFIUTO....OVVI O CHE NON PUO' ESSERE UNA QUESTIONE DI SENTIMENTI...OV VIO CHE C'E' UNO SQUILIBRIO DI FONDO....CREDO CHE LA TUA RAGAZZA SI SENTA PROPRIO COSI...NON E FACILE STARE CON UN BIPOLARE PER NIENTE...IO SONO STATO SINCERO CON LEI L'AVEVO AVVERTITA....GL I AVEVO DETTO "SENTI...CI SARA' UNA MATTINA IN CUI CI SVEGLIAMO IO TI GUARDO ED INIZIERO A ROVINARE TUTTO QUANTO"...BEH CI SIAMO..PORCA PUTTANA SE CI SIAMO!!!
NON SO COME ANDRA' TRA ME E LEI..PROBABLE SI STANCHERA' COME E' GIA SUCCESSO IN PASSATO CON ALTRE..TROVERA' UNA PERSONA EQUILIBRATA( MA QUAL'E' L'EQUILIBRIO??. ..ANDARE A PRANZO DAI SUOCERI LA DOMENICA A PRANZO??) E COSI' RIUSCIRA' AD ESSERE AMATA IN MANIERA SEMPLICE E CONTINUATIVA... FATTO STA' CHE SI STA' DI MERDA E ME LA DOVRO PORTARE SEMPRE DIETRO.
UNA COSA A TE PERO' TE LA VOGLIO DIRE....HAI DETTO CHE SEMBRA CHE CHIEDA AIUTO...E' VERISSIO DCENTRO DI LEI C'E'UNA VOCE..SOMMERSA DALLA MERDA...MAGARI UN PO FIOCA...MA TI STA CHIEDENDO DI AIUTARLA AD AVVICINARSI A TE....QUINDI TU PRENDI UN BEL RESPIRO...FOCAL IZZA....LASCIAG LI IL TEMPO DI AGIRE SECONDO I SUOI TEMPI...MA ASPETTA A MOLLARE...SE LA AMI COME MI SEMBRA DI CAPIRE CREDO CHE RIUSCIRAI A GESTIRLA!!
Citazione
 
 
0 #10 Maori 2014-10-11 14:28
Ho paura che in quanto i nostri sentimenti siano 'socialmente inaccettabili' la sua famiglia la stia facendo auto convincere di essere bipolare. Per 6 mesi è stata la persona più lucida, colta ed intelligente della terra, adesso le parlo è fornisce scuse assurde (senza logica, insensate) per i suoi comportamenti.. . La mia unica paura è che la imbottiscano di farmaci e la stiano quasi lobotomizzando. .. Oppure il bipolarismo può essere anche questo?
Citazione
 
 
0 #9 Maori 2014-10-11 14:18
Ciao Andrea, grazie infinite per avermi risposto, lo apprezzo davvero tanto.
Assisto alla distruzione di una persona che prima era davvero brillante, intelligente e colta come poche, adesso la sua famiglia l'ha portata da una psicanalista e la imbottiscono di psicofarmaci al punto che sembra quasi lobotomizzata.. . Parla di lei in modo distaccato, come se stesse parlando di un'altra persona, dice di provare dei sentimenti, ma nei fatti agisce dimostrando il contrario. Vorrei far qualcosa ma davvero non so cosa fare e se è giusto che tenti di farlo, perchè lei non vuole che faccia parte della sua vita nonostante quando mi parla sembra che sia come se mi stesse chiedendo aiuto... Ma forse sono io a percepirlo anche se realmente, magari, non è così ... Sono disperato.
Citazione
 
 
+1 #8 Andrea 2014-10-11 10:33
CIAO MAORI NON SO SE TI POSSO ESSERE D'AIUTO...IO SONO BIPOLARE...UNA FORMA LEGGERA (CICLOTIMIA)... MA SONO UP E DOWN NELLO STESSO IDENTICO MOMENTO...COME SE CI FOSSE UN ANGELO PICCOLO SULLA SPALLA CHE DICE SI...UN DIAVOLETTO SULL' ALTRA CHE DICE NO NELLO STESSO IDENTICO ISTANTE...POI CI SONO IO CHE NON SO MAI CHE COSA VOGLIO SUL SERIO..HO MANDATO ALL' ARIA STORIE MOLTO IMPORTANTI...UN GIORNO DI PUNTO IN BIANCO LE GUARDO E LE VEDO COME UNA MINACCIA..MI DEVO STACCARE...ALLO NTANARE...DEVO FARE DI TUTTO PER SCAPPARE E ROVINARE TUTTO...E UNA COSA PIU FORTE DI ME...PER RISPONDERE ALLA DOMANDA BEH IO SENTO NOSTALGIA MA E A SCOPPIO RITARDATO...E' DISSOCIATA DA I FATTI CHE AVVENGONO NEL MOMENTO ATTUALE...CREDI MI STO VERAMENTE DI MERDA PERCHE UNO PUO' DIRE OK SE SENTI LA NOSTALGIA CERCALA...BEH QUANDO LA CERCHI RICOMINCIA TUTTO DA CAPO UN ALTRA VOLTA....AVVICI NARSI PER POTER ALLONTANARSI... .AD OGGI NON RIESCO A TENERMI UNA RELAZIONE...HO TROVATO DONNE VERAMENTE IN GAMBA MA I DOWN SONO PIU ALTI DEGLI UP E PRIMA O POI FINISCO PER FARLE ALLONTANARE!!
Citazione
 
 
+1 #7 Maori 2014-10-08 15:40
Salve,
Una domanda... Il bipolare, quando cambia il suo stato, oppure quando prende farmaci per stabilizzare l'umore, prova pentimento o la mancanza per una persona che ha fatto soffrire oppure che ha amato ed ha lasciato durante una delle sue fasi?
Insomma riescono a pentirsi ed avere mancanza di qualcuno, oppure rimuovono del tutto una persona che hanno creduto di amare alla follia nella fase Up?
Sarei davvero grato a chiunque volesse rispondermi.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Optima Mente

Un'associazione che nasce dal basso, dalle nostre esigenze. Questa è  Optima-mente, la cui mission è  mettere in sinergia l'esperienza maturata nel web attraverso anni di gestione gruppi e siti tematici, le esperienze professionali di noi utenti della salute mentale. L'dea è che tutti possano partecipare alla COSTITUZIONE dell'associazione stessa, e alla vita associativa attraverso forum tematici, incontri, dibattiti, formazione. link sito associazione: OptimaMente

Sondaggi

busyLoading Poll...
busyLoading Poll...

Chi è on-line

 56 visitatori online

Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.